dcsimg

Nel settore Exploration & Production Eni conferma la strategia di crescita organica, con ritorni economici attrattivi e il rimpiazzo delle riserve. La creazione del valore farà leva sul consolidamento della leadership in aree core, accrescendo il ruolo di operatore, mantenendo una solida base di progetti con plateau di produzioni di lunga durata nonché sullo sviluppo di temi emergenti (gas/GNL e non convenzionale) e progetti integrati a gas. La crescita sarà sostenuta dall’impegno costante nello sviluppo e nel rafforzamento delle relazioni con i Paesi detentori di riserve attuando il modello di cooperazione Eni. L’innovazione tecnologica consentirà di acquisire competenze all’avanguardia per sostenere l’aumento della produzione ed incrementare il fattore di recupero, sviluppare tecnologie di perforazione applicabili in ambienti estremi, in campi marginali e in deep/ultra deep water. L’obiettivo è incrementare la produzione di idrocarburi ad un tasso medio annuo di oltre il 3% nel quadriennio, traguardando il livello di 2,03 milioni di boe/giorno al 2015.

La crescita sarà sostenuta dallo sviluppo di aree core (Africa Sub-Sahariana e in particolare Mozambico, Venezuela, Mare di Barents, Penisola di Yamal in Russia, Kazakhstan, Iraq e Indonesia) con la possibilità di sfruttare i vantaggi legati all’approfondita conoscenza geologica delle zone e alle sinergie tecnico-produttive.

La sostenibilità di lungo termine del business e l’accesso a nuove risorse saranno garantite dall’esplorazione per la quale il management prevede un aumento importante dell’attività (un incremento di circa €2 miliardi rispetto al precedente Piano) bilanciando iniziative in bacini noti e aree di frontiera ad alto potenziale. La massimizzazione dei ritorni e il controllo dei rischi saranno perseguiti attraverso la minimizzazione del time-to-market delle risorse in portafoglio e il focus sull’operatorship come strumento di controllo del rischio, nonché l’accurata selezione dei partner nelle attività non operate.

La valorizzazione del gas associato prevede un investimento nel quadriennio di circa €4 miliardi per l’utilizzo del gas associato nei principali progetti di sviluppo operati da Eni previsti nei prossimi quattro anni (Algeria, Angola, Congo, Iraq, Italia, Libia, Nigeria, Norvegia e Turkmenistan) e il conseguimento dell’obiettivo di riduzione dell’80% rispetto al 2007 del gas inviato a flaring.

Crescita della produzione Crescita della produzione

Investimenti in attività esplorativa Investimenti in attività esplorativa

www.eni.com

  • Eni S.p.a. – Sede legale
    Piazzale Enrico Mattei, 1 00144 Roma

  • Partita IVA
    n. 00905811006

  • Capitale sociale
    € 4.005.358.876,00 i.v.

  • C. F. e Registro Imprese di Roma
    n. 00484960588

  • Sedi secondarie
    Via Emilia, 1, e Piazza Ezio Vanoni, 1
    20097 – San Donato
    Milanese (MI)